Il nostro Simone Aliprandi intervista l'ideatore di Corsidia, piattaforma per iniziative di formazione

02/11/2017, 17:23

Intervista a Duccio Armenise, ideatore di Corsidia


Ho intervistato Duccio Armenise, professionista dello sviluppo di tecnologie per il web, che negli ultimi mesi ha progettato e lanciato Corsidia: una piattaforma che permette di promuovere iniziative di formazione sia a pagamento (sul dominio Corsidia.com) sia ad accesso gratuito (sul dominio Corsidia.org). Come già segnalato tempo fa sul mio blog, io stesso ho raccolto e ripubblicato su Corsidia i principali videocorsi da me realizzati, trovandola chiara e funzionale.
Ho conosciuto Duccio proprio quando stavo progettando la versione “beta” di JurisWiki e mi serviva qualcuno che mi fornisse la necessaria assistenza tecnica e che avesse le competenze per tramutare le mie idee sotto forma di codice.

homepage_corsidia

Come ti è venuta l'idea di creare una piattaforma come Corsidia?
Corsidia nasce dall'esperienza di WorldBridge, cioè della scuola di lingue a Milano che ho co-fondato e che in soli quattro anni è passata dall'essere un'idea nella testa di due sognatori a una tra le primissime scuole che capita di trovare online se si cerca un corso di lingua a Milano e Pavia. Il modello di acquisizione studenti di WorldBridge è basato sul web: il 99% dei nostri studenti arrivano perché ci hanno trovato online. Buona parte del mio tempo negli ultimi anni è stato infatti dedicato a testare ogni possibile canale di Digital Marketing e a sperimentare le varie soluzioni, per poi trovare quelle ottimali e implementarle in Corsidia.

E da quando ci stai lavorando?
Il progetto è in cantiere dal 2015 ma il sito è andato online solo all'inizio del 2017.

Il nome Corsidia invece da dove deriva?
Il nome è saltato fuori quasi per caso dopo una lunga ricerca. Avevamo predisposto un file con almeno cinquanta nomi possibili e su ciascuno ragionavo su più livelli (vantaggi SEO, originalità, disponibilità dei domini e delle reti sociali con quel nome, riconoscibilità, concetti evocati, etc.). Alla fine mentre stavamo sviluppando la prima pagina, abbiamo avuto l'idea di creare una interfaccia utente un po' originale, con scritto "Corsi di ___ a ___"  dove ovviamente i "____" rappresentano form da compilare. Tolti i form è rimasto il nome perfetto per la piattaforma.

Qual é lo spirito della piattaforma?
Anche se le attività di formazione hanno spesso un respiro locale, promuoverle e pubblicare le relative informazioni in un'unica piattaforma ben organizzata e ben indicizzata permette di creare una enorme sinergia online fra scuole che insegnano cose simili ma che per ragioni geografiche non si farebbero comunque molta concorrenza.

E' vero che con Corsidia hai vinto un Google Grant? Di che cosa si tratta?
Sì. Quando stavo per lanciarla mi sono reso conto che sarebbe stato bello realizzarne una versione no profit per promuovere corsi socialmente utili come ad esempio i corsi gratuiti per disoccupati. Così ho fondato un'associazione no profit a cui ho dato in gestione corsidia.org, la versione della piattaforma dedicata a questo tipo di corsi (la versione originaria dedicata ai corsi a pagamento è infatti corsidia.com). A questo punto ho presentato il progetto per l'iniziativa Google Grant e ho ottenuto il fondo di Google che equivale ad avere un bel po' di soldi da spendere su AdWords per promuovere quel tipo di corsi.

Simone Aliprandi

« Torna al blog