Indicizzato

Tribunale di Milano Ordinanza 23, 2017

Dati identificativi

Autorità giurisdizionale
Tribunale
Sezione autorità giurisdizionale
Sezione unica
Sede
Milano
Anno
2017
Tipo di provvedimento
Ordinanza
Num. identificativo
23
Lingua
Italiano
Data generale
Inserisci
Data deposito/pubblicazione
Inserisci
Data dell'udienza in cui è stato assunto
Inserisci
Numero RG
Inserisci
Materia
Civile - Famiglia
Parti
Inserisci
Fonte
Inserisci

Testo Ordinanza

[1]. Parte ricorrente promuove controversia avente ad oggetto un cumulo processuale di
domande giudiziali: introduce una domanda avente ad oggetto la regolamentazione
dell’esercizio della responsabilità genitoriale sui figli minori e introduce una domanda di
alimenti. La ricorrente richiede al Collegio, in via preliminare, di pronunciarsi sulla
ammissibilità della domanda di alimenti, avendo interesse a conoscere al più presto l’esito
di tale scrutinio al fine di eventualmente coltivare in altra sede l’istanza alimentare, in caso
di inammissibilità della richiesta in questa sede (v. ricorso, pagg. 12, 13). La controversia
avente ad oggetto il conflitto genitoriale in caso di figli nati fuori da matrimonio è regolata
dalle norme di diritto sostanziale di cui agli artt. 337-bis e ss c.c. e dalle norme di diritto
processuale di cui all’art. 38 disp att c.c., come riscritto dall’art. 3 comma 1 della legge 219
del 2012. Per l’effetto, nei procedimenti in materia di affidamento e di mantenimento dei
minori si applicano gli articoli 737 e seguenti del codice di procedura civile: il tribunale
competente provvede in composizione collegiale, in camera di consiglio, sentito il
pubblico ministero e i provvedimenti emessi sono immediatamente esecutivi, salvo che il
giudice disponga diversamente. Sussiste competenza funzionale del Tribunale. La
controversia in materia di alimenti è regolata dalle norme di diritto sostanziale di cui agli
artt. 433 e ss c.c. e dalle norme processuali di cui agli artt. 163 e ss c.p.c. E’ competente il
giudice ordinario in composizione monocratica, senza intervento del PM. L’azione va
introdotta con atto di citazione. Nelle cause per prestazioni alimentari periodiche, se il
titolo è controverso, il valore si determina in base all'ammontare delle somme dovute per
due anni (art. 13 c.p.c.). All’istituto degli alimenti va certamente ricondotta la domanda
alimentare del convivente di fatto, come riconosciuta dall’art. 1 comma 65 della legge 76
del 2016. Alla luce dei riferimenti normativi sin qui illustrati, va dichiarata la
inammissibilità della domanda ex art. 1 comma 65 legge 76/2016: l’art. 40 c.p.c. consente
nello stesso processo il cumulo di domande soggette a riti diversi soltanto in ipotesi
qualificate di connessione (art. 31, 32, 34, 35 e 36), così escludendo la possibilità di
proporre più domande connesse soggettivamente e caratterizzate da riti diversi;
conseguentemente, ad esempio, è esclusa la possibilità del "simultaneus processus" tra
l'azione di separazione o di divorzio e quelle aventi ad oggetto, tra l'altro, la restituzione di
beni mobili o il risarcimento del danno (Trib. Milano, sez. IX civ., sentenza 6 marzo 2013,
Pres. Manfredini, est. R. Muscio; ancor più recente: Trib. Milano, sez. IX, sentenza 3
luglio 2013, Pres. Canali) essendo queste ultime soggette al rito ordinario, autonome e
distinte dalla prima (cfr. ex plurimis, Cass. Civ., Sez. I, 21 maggio 2009 n. 11828, Cass.
Civ., Sez. I, 22 ottobre 2004 n. 20638). L’orientamento è stato ribadito anche di recente,
dalla Suprema Corte (Cass. Civ., sez. VI-I civ., ordinanza 24 dicembre 2014 n. 27386,
Pres. Di Palma, rel. Acierno) e, applicato al caso di specie, osta alla trattazione della
domanda alimentare che deve essere introdotta in autonomia davanti al giudice
competente. Gli argomenti svolti dalla ricorrente per giustificare il cumulo non paiono
sufficienti per discostarsi dall’interpretazione dei giudici di legittimità: l’opportunità della
trattazione contestuale delle due cause se da un lato evita ai conviventi una pluralità di
processi, d’altro canto rischia di rallentare e appesantire la trattazione della controversia
minorile, alla quale il Legislatore riserva un regime accelerato e semplificato al fine di
consentire al giudice del conflitto genitoriale di pervenire velocemente a misure regolative
definitive. Se in occasione della domanda minorile il giudice dovesse anche istruire la
causa di alimenti, questa finalità sarebbe se non compromessa quanto meno frustrata.
Peraltro, nell’ipotesi di specie, la ricorrente ha solo allegato –ma non provato– gli elementi
che le consentirebbero l’accesso alla pretesa alimentare: come noto, l’onere della prova in
materia di alimenti incombe sull’alimentando e non sono applicabili le previsioni
normative di favore previste per gli assegni in materia di separazione (art. 156 c.c.) o
divorzio (art. 5 legge 898 del 1970).
[2]. Nel caso di specie va, peraltro, rilevata ex officio l’ulteriore questione relativa alla
ammissibilità della domanda per difetto di diritto d’azione. La legge 76 del 2016 ha
introdotto nell’ordinamento il diritto agli alimenti in favore del convivente con decorrenza
dal 5 giugno 2016 (data di entrata in vigore delle nuove norme); pertanto, una pretesa
alimentare del convivente more uxorio è possibile solo per quelle convivenze che siano
cessate a partire dal 5 giugno 2016: il diritto alimentare, infatti, nella convivenza di mero
fatto, sorge nel momento in cui si verifica lo stato di bisogno e coincide, dunque, con la
cessazione del legame. Nell’ipotesi di specie, la ricorrente non ha allegato e nemmeno
invero indicato la data storica di riferimento e si tratta di elemento costitutivo della
domanda che grava sull’alimentando. Se la convivenza ha avuto termine prima del 5
giugno 2016, un diritto sostanziale di alimenti nemmeno è previsto dalla legge vigente
ratione temporis.
[3]. Resta assorbita ogni ulteriore questione preliminare: in particolare, se per la
proposizione della domanda di alimenti, il convivente debba aver reso o meno, insieme al
partner, la dichiarazione anagrafica di cui all'articolo 4 e alla lettera b) del comma 1
dell'articolo 13 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30
maggio 1989, n. 223, prevista come elemento da esaminare ai fini dell’accertamento della
stabile convivenza di fatto (articolo 1 comma 37 l. 76 del 2016).
[4]. La controversia deve proseguire per le questioni genitoriali. Il Collegio ritiene di
instaurare previamente il contraddittorio e fissare udienza solo all’esito della lettura degli
scritti difensivi introduttivi depositati da entrambi i genitori, al fine di valutare
l’opportunità di un preliminare tentativo di conciliazione, in analogia con quanto previsto
nel modello processuale tipizzato per i figli minori nati da genitori uniti da matrimonio;
non sussistano improcrastinabili ragioni d’urgenza, ostative alla valutazione di cui sopra.
P.Q.M.
1. DICHIARA l’inammissibilità della domanda di alimenti proposta ex art. 1 comma
65 legge 76 del 2016;
2. ORDINA a parte ricorrente di notificare alla controparte il ricorso introduttivo del
procedimento e il presente decreto entro la data del ...., con obbligo di versare in atti
la prova del corretto perfezionamento della notificazione.
3. ASSEGNA a parte resistente termine sino alla data del ..... per il deposito in giudizio
di propria difesa
4. INVITA entrambe le parti, entro il termine di cui sopra, a depositare le dichiarazioni
dei redditi degli ultimi tre anni
5. DELEGA al giudice assegnatario ogni altro provvedimento alla scadenza del termine
per la costituzione della parte resistente.
6. INVITA le parti ad intraprendere, sin da ora, un percorso di mediazione familiare

Spiegazione Ordinanza

Inserisci