Indicizzato

Consiglio di Stato Sentenza 1749, 2008

Dati identificativi

Autorità giurisdizionale
Consiglio di Stato
Sezione autorità giurisdizionale
VI
Sede
Sede unica
Anno
2008
Tipo di provvedimento
Sentenza
Num. identificativo
1749
Lingua
Italiano
Data generale
Inserisci
Data deposito/pubblicazione
2008-04-15
Data dell'udienza in cui è stato assunto
2008-01-22
Numero RG
Inserisci
Materia
Inserisci
Parti
Inserisci
Fonte
Inserisci

Testo Sentenza

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO


N. 1749/08
Reg.Dec.
N. 4236 Reg.Ric.
ANNO 2007



Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente


DECISIONE


sul ricorso in appello n. 4236/07 proposto da Masterall Immobiliare s.p.a. in persona del legale rappresentante, rappresentata e difesa dall’avv. Giovanni Bertolani ed elettivamente domiciliata presso lo studio Schiavone in Roma, via Tacito n. 10 int. 11
contro
il Ministero per i Beni e le Attività Culturali in persona del Ministro in carica, rappresentato e difeso dall’Avvocatura Generale dello Stato presso i cui uffici in Roma, via dei Portoghesi n. 12, è per legge domiciliato, la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna e la Soprintendenza per i Beni Architettonici ed il Paesaggio delle Province di Bologna, Modena e Reggio Emilia, in persona dei rispettivi rappresentanti legali p.t., non costituiti;
il Comune di Modena in persona del Sindaco in carica, non costituito in giudizio;
l’erede dell’arch. V. V., coniuge superstite sig.ra C. L., non costituita in giudizio;
gli eredi dell’arch. A. M. P., sig.ri M. G. P. e P. P., non costituiti in giudizio
per l’annullamento
della sentenza n. 66 in data 26 gennaio 2007 del Tribunale Amministrativo per l’Emilia Romagna, Sezione II, resa inter partes.
Visto il ricorso in appello con i relativi allegati;
Visto l’atto di costituzione in giudizio dell’Avvocatura Generale dello Stato;
Visti gli atti tutti della causa;
Designato relatore per la pubblica udienza del 22 gennaio 2008 il Consigliere Manfredo Atzeni ed uditi l’Avv. Bertolini e l’Avv. dello Stato Tortora;
Ritenuto e considerato in fatto e in diritto quanto segue.


FATTO


Con successivi ricorsi al Tribunale Amministrativo per l’Emilia Romagna Masterall Immobiliare s.p.a. in persona del legale rappresentante impugnava:
- il provvedimento in data 2/9/2005 del dirigente Responsabile dello Sportello Unico per l’Edilizia e le Imprese del Comune di Modena concernente la sospensione, per centocinquanta giorni, della dichiarazione d’inizio d’attività presentata dalla suddetta s.p.a. per la realizzazione di opere di manutenzione straordinaria nell’ex Cinema Olympia in Modena a seguito della nota in data 17/8/2005 (parimenti impugnata) con la quale la Soprintendenza per i Beni Architettonici per le Province di Bologna, Modena e Reggio Emilia aveva comunicato essere in corso la procedura di riconoscimento dell’importante carattere artistico dell’immobile ai sensi della legge 22 aprile 1941, n. 633;
- il provvedimento in data 22 settembre 2005 con il quale il Dirigente Responsabile del Servizio Comunale Trasformazione Edilizia e Qualità dell’Architettura del Comune di Modena aveva disposto l’interruzione del termine per il rilascio del permesso di costruire concernente la ristrutturazione dell’immobile di cui sopra con cambio d’uso e parziale demolizione con sopraelevazione;
- il decreto in data 31/3/2006 con il quale la Direzione Generale per l’Architettura e l’Arte Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali aveva riconosciuto l’importante carattere artistico dell’immobile di cui si tratta ai sensi dell’art. 20, secondo comma, della legge 633/1941;
- il provvedimento n. 59883/7786/06 in data 5/5/2006 con il quale il Dirigente Responsabile del Servizio Comunale Trasformazione Edilizia e Qualità dell’Architettura del Comune di Modena aveva ulteriormente sospeso i lavori di cui si tratta.


Lamentava, sotto diversi profili, errori procedimentali, soprattutto in relazione alla violazione dell’art. 7 della legge 7 agosto 1990, n. 241, e la mancanza dei presupposti per l’assoggettamento dell’immobile alla tutela di cui all’art. 20, secondo comma, della legge 22 aprile 1941, n. 633, nonché la mancanza dei termini finali dei provvedimenti di sospensione sopra elencati, chiedendo quindi l’annullamento dei provvedimenti impugnati nonché il risarcimento dei danni subiti.


Con la sentenza in epigrafe i primi giudici hanno riunito e respinto i ricorsi.


Avverso la predetta sentenza la parte ricorrente in primo grado propone l’appello in epigrafe contestando gli argomenti ivi svolti e chiedendo la riforma della pronuncia gravata.


Si è costituita in giudizio l’Avvocatura Generale dello Stato chiedendo il rigetto dell'appello.


Alla pubblica udienza del 22 gennaio 2008 la causa è stata trattenuta in decisione.


MOTIVI DELLA DECISIONE


E’ fondata l’argomentazione, prospettata dall’appellante nella memoria depositata in vista dell’udienza di trattazione, secondo la quale i provvedimenti impugnati hanno perso efficacia.


La presente controversia riguarda, infatti, il provvedimento con il quale l’immobile di cui si tratta (ex Cinema Olympia di Modena, opera degli architetti V. V. ed A. M. P.) è stato dichiarato di particolare interesse in vista della sua sottoposizione al regime di tutela del diritto di autore, secondo la disciplina dettata dall’art. 20, secondo comma, della legge 22 aprile 1941, n. 633.


La norma appena richiamata attribuisce, per quanto ora interessa, all’autore dell’immobile, dichiarato assoggettabile al suo regime, il diritto (cosiddetto diritto morale d’autore) di intervenire qualora vengano progettati nuovi lavori sull’immobile, opera del suo ingegno, in modo da salvaguardare l’impostazione originaria.


E’ evidente che il suddetto diritto può essere esercitato esclusivamente dal suo titolare, essendo egli solo in grado di valutare la compatibilità di nuovi lavori con il disegno artistico originale, eventualmente coordinandoli con quest’ultimo.


La necessaria capacità creativa costituisce, infatti, qualità personale, che viene meno con il decesso dell’artista (in termini C. di S., VI, 26 luglio 2001, n. 4122).


L’appellante riferisce che entrambi gli architetti, originari progettisti dell’immobile per il quale è controversia, sono deceduti nelle more del presente giudizio, ed il dato non è contestato.


Di conseguenza, è venuto meno l’oggetto della tutela, non potendo il diritto morale d’autore essere imputato a soggetti diversi dai creatori dell’opera, e nemmeno agli eredi i quali, quandanche fossero in proprio dotati di adeguate capacità professionali ed artistiche, esprimono necessariamente delle personalità distinte da quelle degli autori.


Non vi ha, quindi, luogo a pronuncia sulla domanda impugnatoria, presentata dall’appellante.


Atteso che lo stesso appellante lega la domanda risarcitoria all’attualità dell’impugnazione, anche il suo esame si appalesa superfluo.


Il ricorso di primo grado deve, in conclusione, essere dichiarato improcedibile, e la sentenza di primo grado deve essere annullata senza rinvio.


La particolarità della controversia consente di compensare integralmente spese ed onorari del giudizio fra le parti costituite.


P.Q.M.


Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Sesta, dichiara improcedibile il ricorso di primo grado ed annulla, senza rinvio, la sentenza appellata.


Spese compensate.
Ordina che la presente decisione sia eseguita dall'Autorità amministrativa.


Così deciso in Roma, il giorno 22 gennaio 2008 dal Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) nella Camera di Consiglio con l'intervento dei Signori:
Giovanni RUOPPOLO Presidente
Carmine VOLPE Consigliere
Paolo BUONVINO Consigliere
Roberta CHIEPPA Consigliere
Manfredo ATZENI Consigliere, est.


Presidente
GIOVANNI RUOPPOLO
Consigliere
MANFREDO ATZENI
Segretario
GIOVANNI CECI

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 15 aprile 2008
(Art. 55, L.27/4/1982, n.186)
Il Direttore della Sezione
MARIA RITA OLIVA

Spiegazione Sentenza

Inserisci